set 222012
 
Macine WP_villaggio_macine_panorama

I pali sporgenti del Villaggio delle Macine visibili al margine del lago Albano, agosto 2012 (foto Matteucci)

Lungo il lago Albano nel 1984 sono stati rinvenuti i resti del “Villaggio della Macine”, un insediamento della media età  del bronzo di ca. 4000 anni fa. Il nome deriva dalla grande quantità  di macine in pietra recuperate. Si suppone che l’abitato sia stato abbandonato non oltre il XV secolo a.C., in seguito ad un innalzamento del livello del lago. Campagne di scavo archeologico si sono svolte nel 2001 e nel 2009 (info Wikipedia).

Dovuto all’attuale abbassamento del lago di ca. 1 metro ogni 3 anni, i pali sporgenti sono ben visibili. Questi mutamenti del livello delle acque sarebbero resi possibili dalla presenza, sotto la falda acquifera del lago, della camera magmatica del Vulcano dei Colli Albani. Un’altra ipotesi corrente è che l’abbassamento del livello del lago sia dovuto esclusivamente all’abuso che ne fa l’uomo attingendo dalla falda attraverso pozzi.

WP_villaggio_macine

I resti del del Villaggio delle Macine lungo il lago Albano, agosto 2012 (foto Matteucci)

WP_villaggio_macine_detail

Dettaglio di uno dei pali (foto Matteucci)